Skip to content

CURSOSGRATUITOSBR.ORG

Scarica film e libri gratuitamente sul mio blog personale :)

SCARICARE ALVINA DEFINIZIONE


    Contents
  1. Sindrome da defecazione ostruita: sintomi, cause e terapie | MEDICINA ONLINE
  2. Avvicinati
  3. Significato di "orchialgia" sul dizionario di italiano
  4. LE URGENZE CHIRURGICHE ADDOMINALI Appendicite

alvino: [al-vì-no] agg. MED Che si riferisce all'alvo; intestinale: colica alvina. Nel linguaggio medico, intestinale, relativo all'alvo: coliche a., coliche intestinali; contenuto a.; scariche alvine. Sinonimi e contrari. alvino. agg. [der. del lat. alvus. Nei casi ove esiste una presenza di sintomi tali da definire la sindrome ed un ad evacuare che deve essere seguito da una scarica alvina in tempi rapidi. Significato del nome Alvina, origine ed etimologia di Alvina, onomastico, diffusione, popolarità e altre curiosità sul nome Alvina. OCCLUSIONE Arresto della funzione alvina con mancata emissione di feci e gas ileo meccanico: ostruzione del lume intestinale che rende la peristalsi.

Nome: re alvina definizione
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: iOS. Android. Windows XP/7/10. MacOS.
Licenza:Gratis!
Dimensione del file:63.28 MB

SCARICARE ALVINA DEFINIZIONE

Nei pazienti affetti da defecazione ostruita frequentemente è possibile apprezzare un prolasso rettale interno e un rettocele alla visita proctologica. In questi casi è giustificato un approfondimento diagnostico in previsione di una eventuale terapia chirurgica.

La terapia conservativa dieta, regolarizzazione intestinale mediante lassativi e clisteri, ginnastica e rieducazione del pavimento pelvico, biofeedback in molti pazienti permette di migliorare significativamente i sintomi. La rigorosa selezione dei pazienti da sottoporre a chirurgia è fondamentale per ottenere buoni risultati. Questo periodo transitorio in genere dura alcuni mesi fino a quando si stabilizza permettendo una evacuazione fisiologica.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo sito e ricevere notifiche di nuovi messaggi via email. Salute del fisico, benessere della mente, bellezza del corpo. Articoli monotematici di medicina, scienza, cultura e curiosità.

Vai al contenuto.

Nei dialetti sondati si ritrova nel piem. GDLI, vol. XVI, p. In apostema, invece, non è in gioco il progresso della scien- za, ma la mutata classificazione nosografica. Molti sono, naturalmente, i termini patologici ancora pie- namente attuali. X, pp. Ineichen a cura di , El libro agregà de Serapiom, Venezia-Ro- ma, , vol. Pfister [poi anche da W. Schweickard], Wiesbaden ss. Talora nei dialetti si cristallizzano termini illustri nella sto- ria della medicina.

Quella quarta pagina è uno dei tesori della povera gente. Con cinque centesimi appena costoro ricevo- no i consigli di medici illustrissimi, i quali li assicurano che le car- tine tali o le acque tali altre o la mistura x guariscono il loro male. Perché andare a consultare il dottore, che non sa niente e vi fa spendere quattrini a benefizio del farmacista? Il dato saliente, che ricorda da vicino le promesse dei ciar- 71 Cfr. Murri, Lezioni Attingo la notizia dalla tesi di laurea inedita di C.

Pontoni, La lingua della pubblicità sanitaria nel secondo Ottocento. Abbiamo già accennato alla clorosi; spicca il riferimento, diretto tisi o indiretto consunzione, scrofola alla tubercolosi, la malattia che — insieme alle malat- tie veneree — suscitava il maggiore allarme sociale e, a diffe- renza di quelle, ha trovato ampia rappresentazione nella let- teratura europea tra Otto e Novecento.

Pontoni, La lingua del- la pubblicità Vino di Peptona è toni-nutritivo? Inferno, XXIV, Il termine sopravvive al decli- no della teoria umorale; gli ultimi esempi sono del primo Ottocento co- munque ben anteriori al : cfr.

XI, p. Leone - Fantonetti - Omodei, Dizionario Eppure, non mancano documenti che testimoniano di un contatto tra curatore e paziente improntato alla massima tra- sparenza. Gianna Pomata, in un saggio che abbiamo già avuto occasione di ricordare, ha studiato un istituto a lungo pratica- to a Bologna, ma documentato anche in molte altre città eu- ropee: il contratto davanti a notaio tra il medico, che si impe- gna a guarire il paziente entro un certo periodo di tempo, e il 79 M.

Medici, La parola pubblicitaria, Venezia , pp. Solo nel pieno Settecento si afferma il principio che le prestazioni del medico vanno retribuite a prescindere dalla guarigione un principio che marca la crescente distanza tra il ciarlatano, che si abbandona a promesse mirabolanti, e il medico professionista, che deve agire in scienza e coscienza senza creare aspettative ingiustificate.

Laín Entralgo, Il medico e il paziente, trad. Pecoroni sia obligato a farmi un regalo di lire cento di quat- trini. Antonio Maria Mondini afermo quanto sopra ma non nel tempo che dice in venti giorni in più. Anche quan- ti hanno scarsa cultura generale e magari ignorano tranquilla- mente la differenza tra vena e arteria, imparano presto a ma- neggiare una parte della terminologia patologica se si trovano a fronteggiare qualche malattia col relativo corredo di accer- tamenti diagnostici.

Per il passato, dobbiamo rivolgerci a documenti scritti. Serianni, Italiani scritti, Bologna , p. Caffi, La mitigazione. Un approccio pragmatico alla comunicazione nei testi terapeutici, Pavia , p. Morgagni, Consulti medici, Bologna , p. Plessi a cura di , Consulti di Marcello Malpighi , Bologna , vol. Antonelli, Tipologia linguistica del genere epistolare nel primo Ottocen- to, Roma , p. Le notizie sulla salute, propria e dei destinatari, accomunano scriventi borghesi, popolari,96 intellettuali.

Anche i grandi scrit- tori, nei loro epistolari privati, diventano persone qualsiasi, coin- volte, anzi dominate, dai problemi di salute. Ernesta Bono Milano - Belgirate , andata sposa a Marco Cavallini nel , apparteneva a una nota famiglia di patrioti lombardi. Il materiale è conservato presso il Museo Centrale del Risorgi- mento di Roma. La malattia e il do- lore nelle lettere degli emigranti in California, in AA.

Leopardi, Lettere, in F. Flora a cura di , Tutte le opere di G. I, parte II, pp. Ben più importanti, per le ricadute sulla sua attività creativa, sono i di- sturbi agli occhi, di cui il poeta si lagna spesso. Per flussione cfr. Levi, Dizionario III, parte II, p. Levi, Di- zionario IV, parte II, p. I quotidiani vecchi e nuovi sono in effetti grandi collettori di tecnicismi medici. Masini, La lingua di alcuni giornali milanesi dal al , Firenze ; C.

Sindrome da defecazione ostruita: sintomi, cause e terapie | MEDICINA ONLINE

Scavuzzo, Studi sulla lingua di quotidiani messinesi di fine Ottocento, Firenze ; F. Sboarina, La lingua di due quotidiani veronesi del secondo Ottocento, Tübingen ; I. Scavuzzo, Studi De Stefanis Ciccone - I.

Bonomi - A. Bonomi - S. De Stefanis Ciccone - A. Il cronista si sente in dovere di dare minutamente conto dello stato di salute del singolo giocatore e della sua possibilità di partecipare alla partita di turno; e lo fa spesso riproducendo parole e frasi dal referto stilato dal medico sportivo.

Ancora una volta, la quota di chi sapesse che tale indice si ri- ferisce al rapporto tra il volume del plasma e quello dei globuli rossi non sarà stata propriamente elevata; ma la parola circola- va comunque. Dove passa il confine? Bottasso, Torino Pesenti: Fasiculo de medicina in Volgare vol. II , Padova-Trieste In posso manca probabilmente il com- pendio sulla o: posso n. Grmek, Il concetto di malattia, in Agrimi et al.

Lo iato tra medico medievale e medico moderno va anche oltre queste differenze, come è stato rilevato da chi negli ulti- mi anni si è occupato di linguaggi scientifici nel Medioevo. Dardano, I linguaggi scientifici, in L. Serianni e P. Trifone a cura di , Storia della lingua italiana, Torino , vol.

Gualdo, Il lessico della mascalcia nei primi secoli, in S. Gualdo a cura di , Le solidarietà. La cultura materiale in lin- guistica e in antropologia, Galatina , pp. Casapullo, Il Medioevo, Bologna , pp. Pazzini, Crestomazia della letteratura medica in volgare, Roma , pp. Mensching e K. Studien zur Romania Arabica, Tübingen Silini, Umori e farmaci.

Terapia medica tardo-medioevale, Gorle , p. Biraben, Le malattie in Europa, in J. Agrimi et al. Antichità e medioevo, Roma-Bari , pp. Altri esempi del genere saranno indicati nel prossimo paragrafo. Un esempio elementare. Siamo di fronte a qual- cosa di più importante: il mutare del sistema di riferimento complessivo nel quale i singoli concetti particolari e i termi- ni che li indicano sono inseriti, combinandosi in un insieme organico.

Ma quando collocare allora il discrimine tra antico e mo- derno per la storia del linguaggio medico?

Aperto il di lui cadavere, nel basso ventre osservammo non poca mutazione dallo stato naturale. I reni parvero infiammati, soprattutto il sini- stro. La vescica del fiele era piena di verde, densa, bile. Mazzini, Introduzione alla terminologia medica, Bologna , pp. Bernabeo - G. Pontieri - G. Scarano, Elementi di storia della medicina, Padova , p. La stessa se- zione del peripneumonico che sulla osservazione di Hoffmanno rapporta il signor Van Swieten, illustre fautore di tal sentenza, non racchiude alcun fatto che occupi a favorir tal disegno.

Ferrio, Ter- minologia medica, Torino , p. XII, p. Per sintoma cfr. Lo stesso Sarcone rivendica il diritto di adoperare, anche scrivendo, i francesismi correnti nel parlato: cfr. Sar- cone, Istoria Bernabeo-Pontieri-Scarano, Elementi Jacquart, La scolastica medica, in Agrimi et al. Carlino, La fabbrica del corpo.

Libri e dissezione nel Rinasci- mento, Torino Cosmacini, Storia della medicina e della sanità in Italia, Roma-Bari , p. I medici evocati non sono più quelli della grande tradizione gre- co-latina-araba; sono medici contemporanei, alle cui opinioni il Sarcone si appoggia, certo per mettersi al riparo di nomi pre- stigiosi,40 ma anche in relazione a precise osservazioni necro- scopiche.

E si noti che due dei tre citati erano ancora vivi quando 37 Ibid. Significati vecchi e nuovi Alcune parole della medicina si prestano bene a rappresen- tare la distanza tra antico e moderno. Il gruppo più istruttivo è costituito da termini in uso da molti secoli, e in qualche ca- so risalenti al mondo classico, ma oggi adoperati in significati in tutto o in parte diversi.

Wear et al. Mazzini, La medicina Oggi il ventri- colo senza altre specificazioni è, per medici e profani, quello del cuore. Ma ventriculus era usato in latino in riferimento sia allo stomaco da Celso , sia alla cavità cardiaca a partire al- meno da Cicerone. XXI, pp. Fioravanti, La cirugia, Venezia , p. Chiari, Cento aforismi fisico-medici , cit. Ruozzi a cura di , Scrittori italiani di aforismi, 1.

I classici, Milano , p. Gamna, Medici- na interna, Torino , vol. Dei significati del gr. Pringle, Osservazioni sopra le malattie di armata, Venezia , p. Vaccà Berlinghieri, Codice elementare di medicina pratica, Venezia , vol. Medici, Manuale di Fisiologia, Bologna , pp. Bianchi, Dizionario di sanità per il popolo, Milano , p. Jouanna, La nascita Castelli, Lexicon medicum graeco-latinum, Venezia [1a ed. Sboarina, Il lessico medico Stoppelli ed E. Picchi, Bologna Pellegrini, Gli arabismi nelle lingue neolatine, Brescia , vol.

Dalla Cro- ce Du Cange, Glossarium mediae et infimae Latinitatis, Niort , vol. Altieri Biagi, Fra lingua scientifica Cosmacini, Storia della medicina Tognotti, Il mo- stro asiatico: storia del colera in Italia, Roma-Bari Aprile, Giovanni Brancati traduttore di Vegezio, Galatina , p. Rey, Dictionnaire histo- rique de la langue française, Paris , vol. Quin, Du traitement ho- moeopathique du choléra, Paris ; J. Mabit, Étude sur le choléra, Bordeaux- Paris ecc.

Documentazione medievale in Gualdo, Il lessico medico Moriceau [sic], Opere medico-chirurgiche, Venezia , vol. Ai due esempi registrati in GDLI, vol. È quel che è avvenuto in parte o in tutto per due parole che indicano sentimenti di tristezza o di rimpianto: malinconia e nostalgia.

Voce estesasi 71 V. Chiarugi, Della pazzia in genere e in specie, Firenze rist. III, par- te I, pp. The Oxford English Dictionary, Oxford , vol. Enciclopedia dantesca, Roma , vol. Carducci, Rime nuove, commento di P. Trompeo e G. Sali- nari, Bologna , p. Si veda anche, con prudenza, I. Mollaret, I grandi flagelli, in Grmek a cura di , Storia del pensiero medico occidentale, ALI, solo a Cordenons Ud è noto el grip, ma come seconda risposta.

VII, p. Malaria, accanto a Wech- selfieber, spagn. II, parte II, p. Bufalini, Fondamenti di patologia analitica, Pesaro , vol. Merli, Guida medica, Napoli , vol. Pazzini, Scritti di storia delle malattie, Roma , pp.

Sournia, Langage médical III, parte I, pp. Mazzini, Introduzione Janni, Il nostro greco quotidiano, Roma-Bari , pp. Bonavilla, Dizionario etimologico di tutti i vocaboli usati nella me- dicina ecc.

Qualche volta la creazione di un tecnicismo segue vie im- prevedibili. Curiosa è la storia di rachitismo, un tecnicismo eti- mologicamente poco giustificabile, dal momento che sembra ricavato modernamente dal gr. I problemi nascono quando uno stesso tecnicismo è adoperato dai medici con accezioni diver- se, e quindi generatrici di equivoci. Due esempi. Hamburger, Introduction au langage de la médecine, Paris , p.

Tagliavini, Le origini delle lingue neolatine, Bologna , p. Il grande medico aveva creduto di riconoscere nel gr. Parlare di settoriale o speciale è invece equivalente e dipende da tradizioni e partizioni oscillanti e talvolta divergenti tra le varie lingue europee. Entrambi gli aggettivi si attaglierebbero alla de- finizione di lingua speciale data anni fa da Michele Cortelazzo, sviluppando alcuni spunti di G.

Berruto: varietà funzionale di una lingua naturale, dipendente da un setto- re di conoscenze o da una sfera di attività specialistici, utilizzata, nella sua interezza, da un gruppo di parlanti più ristretto della to- talità dei parlanti la lingua di cui quella speciale è una varietà, per soddisfare i bisogni comunicativi in primo luogo quelli referen- ziali di quel settore specialistico.

Petralli, Media in scena e nuovi linguaggi, Roma , pp. Cortelazzo, Lingue speciali e dimensione verticale, Padova , p. Eco e di quello pubblicitario M.

Sulla distinzio- ne tra parole del lessico comune e termini del lessico scientifico — e sulla necessità di storicizzare la semantica dei termini scientifici — cfr. Belardi, Il lessico dei linguaggi scientifici. Precisione nei programmi, confusione nei risultati, in AA. Scritti in memoria di Giorgio Raimondo Cardona, Roma , pp. Da notare che la somma dei termini di fisica, mate- matica, geometria e statistica, biologia e chimica dà un totale appena superiore a quello raggiunto dalle sole entrate di medi- cina , pari al 5.

De Mauro, Linguaggi scientifici e lingue storiche, in A. Basile, I linguaggi tecnico-specialistici nel les- sico della lingua tedesca, in T. Ghazi, Vo- cabulaire du discours médical, Paris , pp. Adamo e V.

Della Valle a cura di , Innovazione lessicale e terminologie specialistiche, Firenze , pp. Sabatini - V. Coletti], DISC. Dizionario italiano Sabatini-Coletti, Firen- ze Converrà esemplificare questa prassi, attingendo qualche e- sempio da medici sette-ottocenteschi, più e meno illustri. In- tanto va ricordato come, non solo in epoca moderna, sia pres- soché generale la professione di anti-nominalismo: noi siamo 9 Per il francese, per esempio, fa esplicito riferimento al lessico Ghazi, Vocabulaire du discours médical Ma, pur avendo trovato pronta accoglienza in un repertorio particolarmente attento a tesaurizzare i neo- logismi di formazione greca,15 i termini non hanno avuto for- tuna.

Marchi, Dizionario tecnico-etimologico-filologico. Appendice, Milano , p. Analizzando il termine paramioclono proposto dal Friedreich una sindrome caratterizzata da movi- menti muscolari clonici e involontari e verificandone la funzio- nalità per i casi da lui esaminati, A.

È vero; ma mentre io ve- do sostituirsi tante belle parole ad altrettante senza bisogno [ Murri, Scritti medici De Giovanni, Commentarii di clinica medica, Padova , vol.

Questa dozzina di parole facilmente incrementabile, guar- dando a tecnicismi di minore diffusione e anche di minore momento nella storia della scienza ci consente alcune rifles- sioni. Non tutti i tecnicismi medici hanno un marchio di fabbrica altrettanto prestigioso; anzi, la maggioranza di essi entra in modo anonimo nella lingua, senza che sia possibile risalire con certezza al loro creatore.

Serianni, Saggi di storia linguistica Blefarite non figura neppure in traduzioni dal francese, come quelle di A. Richerand, Nosografia chirurgica, Pisa , vol. IV, pp. Audin-Rouvière, La medicina senza medico, Peru- gia , vol. I tecnicismi medici possono essere classificati secondo varie direttrici. Storicamente, la partizione più semplice è quella fondata sulla provenienza linguistica greca antica, greca mo- derna, inglese ecc.

Molto più arduo classificare i tecnicismi tenendo conto della ricaduta oltre il recinto specialistico.

Avvicinati

Naturalmente, conoscere una parola non vuol dire cono- scerne il significato. Iacobini, Diffe- renti denominazioni ed eterogeneità degli elementi formativi, in M. Grossmann e F. Rainer a cura di , La formazione delle parole in italiano, Tübingen , pp. Boy- le cit. Iandolo, Parlare col malato, Roma , pp. La difficoltà di risalire al significato di tre tecnicismi come gli ultimi citati dipende anche dalla loro struttura linguistica: sono parole composte che utilizzano confissi rari.

Qualche volta si tratta di un organo interno muso di tinca, lat.

Significato di "orchialgia" sul dizionario di italiano

Oppure si evoca un figuran- 30 Cfr. Mazzini, La medicina dei Greci e dei Romani Skoda, Médecine ancienne et métaphore, Paris , p. Alcune malattie sono indicate in riferimento alla genesi tipica malattia del morso di topo, da graf- fio del gatto , o alla categoria professionale che ne va, o ne an- dava, più facilmente soggetta malattia dei palombari, degli stuc- catori, dei giovani porcai; si aggiunga il ginocchio della lavan- daia. Qualche esempio del genere nella lingua medica francese in Sournia, Langage médical Meisser, Le léxique médical français contemporain, Frankfurt am Mein ecc.

Ma conviene insistere su un punto. Magistretti, Raccolta di osservazioni e ri- flessioni patologico-pratiche, Fasc. Malattie di capo, Loreto , p. Bucellati, Dimostrazioni medico-filosofiche sulla febbre pe- tecchiale epidemica, Milano , p. Granetti, La medicina specifica applicata in particolare al trattamento delle lesioni organiche, Torino , p. Già Galeno sapeva che le evacuazioni nasali erano chiamate blennai e kóryza dagli antichi e myxai dai moderni. Tecnicismi specifici e collaterali I vari termini medici menzionati nel paragrafo precedente sono quelli che possiamo considerare i tecnicismi specifici del linguaggio medico.

Tuttavia una lingua speciale non è fatta solo di termini — quasi soltanto sostantivi e aggettivi —41 che riflettono le nozioni proprie di quel settore. Gutiérrez Rodilla, La ciencia empieza en la palabra. Un esempio. Nulla impedisce al clinico di dire o scri- vere incomincia o inizia e febbre alta o forte aumento della temperatu- ra, oltre a mal di testa invece di cefalea. Ma, paradossalmente, proprio queste 42 Ho introdotto questa nozione nel , precisandola successiva- mente: cfr.

Grassi, Milano , p. A dif- ferenza del tecnicismo specifico, tendenzialmente stabile o al- ternantesi con termini di rango analogo: blenorragia-gonorrea ecc. La clinica, Patologia sistema- tica integrata, voll. Fieschi - I. Pannacciulli - P. Giroud et alii, Farmaco- logia clinica, ediz.

Segre, Roma Giroud ; R. Bodley Scott a cura di , Price, Medicina interna, ediz. Butturini e E. Zanella, Bologna Price. Ho inserito le traduzioni italiane di due classici manuali inglese e francese, dati gli stretti rapporti della me- dicina italiana con quella espressa in altre lingue.

Per il primo aspetto, è notevole — ancora una volta in sinto- nia con altre lingue speciali — il ricorso agli aggettivi di relazio- ne. Come avviene anche nella lingua comune, ma con minor frequenza, gli aggettivi possono riferirsi non al sostantivo con cui concordano, ma a un termine inespresso. Renzi, in L. Renzi a cura di , Grande grammatica italiana di consultazione, vol. I, Bologna , pp. Liuzzi, Osservazioni sul colera morbus indiano, Roma , p. Questo costrutto, co- me il successivo, non è descritto nemmeno nei più recenti dizio- nari generali, anche in quelli più sensibili agli aspetti grammatica- li.

Esempi di questa so- vraestensione di a si possono infatti segnalare già in Murri Scritti medici XV, p. III, pp. La locu- zione viene censurata in Putti, Scrivere meglio Castellani Pollidori, La lingua di plastica, Na- poli , pp.

I TC lessicali Ma i TC più tipici e ricorrenti sono quelli lessicali, tanto nu- merosi da meritare un paragrafo a sé. Altre volte cambia la connotazio- ne, da positiva come in apprezzare: a. Serianni, Italiani scritti Abbate Scoma [ Pellei, Il linguaggio medico del primo Ottocento. In GDLI, vol. Tecnicismo collaterale di circolazione già ottocente- 69 Cfr.

Accezione particolare di un anglicismo semantico atte- stato da tempo cfr. DELIN, p. Il termine è speculare a risposta vedi , col quale condivide il tratto semantico [- umano]. GDLI, V, p. Termine di diffusione otto- centesca e di origine burocratica, criticato dai puristi. Tecnicismo collaterale già settecentesco;81 concorre col si- nonimo manifestazione vedi.

Altri esempi novecenteschi in Serianni, Sag- gi di storia linguistica Mazzantini cfr. Altri esempi novecenteschi in Serianni, Saggi di storia linguistica Latinismo raro nella tradizione letteraria. VIII, p. Massa, Ragionamento sopra le infermità ecc. Puccinotti, Collezione delle opere mediche, vol. III, Macerata , p. Tecnicismo collaterale di antica attestazione, presente già nel Cinquecento nella Cirugia del Dalla Croce.

È tecnicismo col- laterale già acclimato nei secoli scorsi nel Cocchi, per manifestar- si, e nel Massaia, per manifestazione.

Il più an- tico dei tre TC sembra essere moderato, attestato già nel Cinque- cento. IX, pp. Altri esempi del sostantivo in Se- rianni, Saggi di storia linguistica Susio, Libro del conoscere la pestilenza, Man- tova , p. Altri esempi novecenteschi dei tre sino- nimi in Serianni, Saggi di storia linguistica È un tecnicismo collaterale ampia- mente documentato a partire dal primo Ottocento. XIV, p. XVIII, p. Altri esempi di fine Novecento in Se- rianni, Saggi di storia linguistica Ecco per esempio alcune integrazioni suggeritemi da M.

XX, p. Altri esempi in Serianni, Saggi di storia linguistica Di alcuni dei nostri tecnicismi abbiamo registrato la presen- za, con specifico riferimento alla medicina, già nei secoli scor- si. Tra i TC della nostra lista risalgono al XIX secolo andamento, conclamato, eleva- to, evenienza, importante, insufficienza, pregresso, processo.

Una sommaria verifica sul lessico Da Murri, Scritti medici Un esempio contemporaneo in PM, vol. Un esempio moderno, nel medico-scrittore P.

Bianchi, è stato cit. I tecnicismi nei testi del passato Abbiamo già accennato alla riconoscibilità, nei testi medieva- li, di un sistema terminologico sufficientemente organizzato: una presenza indiscutibile, purché si abbia ben chiaro che la continuità riguarda i significanti, mentre la convergenza dei si- gnificati va valutata con prudenza caso per caso.

Riprendiamo in mano quel Fasiculo de medicina, il prezioso incunabolo del che a suo tempo pp. Ebbene, se guardiamo alle attestazioni dei tecnicismi specifici, non possiamo sottovalutare la quantità dei termini che con più o meno spiccate varianti di forma continuano fino a oggi.

Non solo: molti di questi termini cir- colavano già nei secoli precedenti, segno indubbio di una con- tinuità che fino ad anni recenti è stata oscurata dalla scarsa at- tenzione prestata dai grandi lessici storici alla lingua non let- teraria. Spes- so si tratta di varianti ampiamente attestate in testi coevi e di- versamente spiegabili: è quel che vale, per esempio, per allopi- tia, tenasmo, bolismo o gomorrea.

Dal Tre al Seicento le parole che possiamo far rientrare in questa categoria sono non solo poche di nume- ro, ma soprattutto assai incerte come statuto terminologico. Qualche anno fa R. Per bolismo cfr. La variante gomorrea è ampia- mente attestata e si deve ad accostamento paretimologico al nome di Go- morra, la biblica città simbolo dei vizi sessuali DELIN, p.

Aprile, La lingua della medicina animale, in R. Gualdo a cura di , Le pa- role della scienza. Gualdo, Il lessico medico Si veda sopra, p. Motolese, Lessico medico Possiamo notare indurre già cit.

Il Redi segna indubbiamente un punto di svolta nella storia della scienza italiana e nelle conseguenti scelte linguisti- che, forse più per la potatura dei termini tradizionali, specie quelli di impronta araba, che non per le novità terminologiche che possano farsi espressamente risalire a lui. Più che spogli da autori di- versi, è istruttivo un aneddoto, che è stato illustrato impecca- bilmente da G.

Redi, Consulti medici, ed. Doni, Firenze , p. Per gagliardo in questa accezione cfr. Morelli Timpanaro, A Livorno, nel Sette- cento. Medici, mercanti, abati, stampatori, Livorno Né questo è un caso isolato. Spogliando un congruo numero di testi compresi tra e , F. Pellei ha illustrato diversi casi in cui un TC non si è ancora compiu- tamente affermato, come si ricava dalla presenza di un ampio ventaglio di sinonimi. XII, pp. Mei, Targioni Tozzetti. Pellei, Il linguaggio medico Trattando di oftal- mia, due medici illustri, A.

Scarpa Motta di Livenza - Pa- via e G.

In un certo numero di casi si utilizzano forme appartenenti al lessico fondamentale fegato, occhio, milza, per ripetere gli e- sempi citati a p. Ma la grande maggioranza è costituita da prestiti Cfr. Federici, Aspetti della lingua medica Pasta, Voci, maniere di dire Ineichen, El li- bro agregà Aprile, Giovanni Brancati Volgarizzamento fiorentino anonimo del XIV secolo, Napoli , vol.

Si vedano anche G. Casa- pullo e M. Serianni, Saggi di sto- ria linguistica Hyrtl, Onomatologia anatomica, trad. Ma su questo si ve- da il prossimo capitolo.

Accanto al greco è dominante il latino. A differenza dei Gre- ci, i Romani non produssero opere di scienza medica, ma tra- dussero instancabilmente dal greco. Per un sondaggio, ci serviremo del corpus già utilizzato per documentare i tecnicismi collaterali integrandolo col trattato di un grande patologo che fu anche raffinato umanista, Tullio Chiarioni Treviso - Roma Mazzini, Appunti per una storia del latino dei medici dal Rinascimento ai nostri giorni.

Mortara Garavelli, Le parole e la giustizia, Torino , pp. DELIN, pp. Chiarioni, Le malattie del fegato, delle vie biliari e del pancreas, in M. Bufano a cura di , Trattato di patologia medica e terapia, Padova , par- te XII ho spogliato le pp. Per i testi del corpus cfr. Accanto a questi esistono inserti latini con valore connotativo.

Zolli, Come nascono le parole italiane, Milano , pp. Citernesi e A. Bencini, Latinorum. Dizionario del latino contemporaneo, Firenze , pp. Quanto al più specialistico induratio penis plastica, si noterà che in Garnier-Delama- re-Panzera, Dizionario In linea di princi- pio, dal momento che la mediazione del latino — classico, me- dievale o scientifico — deve essere sempre ammessa per i greci- smi, il criterio storicamente più fondato dovrebbe essere quel- lo di preferire nei casi di divergenza tra le due lingue classiche la pronuncia latina.

Gucciardo, I medici parlano italiano? Da un lato sacche di arabismi possono sussistere in pieno Rinascimento, e cardiopatía , fedeli alla pronuncia latina hemofilia , a quella greca di- sfagía , o infedeli a entrambe hipocondría. In un altro articolo della stes- sa rivista V.

García Yebra, Cien borrones prosódicos en la terminología científi- ca española, ivi, 12 , pp. Castellani, Grammatica storica della lingua ita- liana, I. Introduzione, Bologna , p. Altieri Biagi, Fra lingua letteraria Dal Glossario di Herbe pincte compilato da G. Ineichen, El libro agregà Silini a cura di , Antonius Guarnerinus de Padua [autore del- le illustrazioni], Herbe pincte, Gorle Quanto al Borgarucci, si ricorderà che la Con- templazione era stata preceduta di qualche anno dalla traduzione in italiano della Historia de la composición del cuerpo humano dello spagnolo Juan Valverde edizione originale: Il quadro cambia completamente già nel XVI secolo.

Se, a quanto pare, gli arabismi sono ancora cospicui nella Cirugia del Dalla Croce, la loro marginalizzazione è evidente altrove. Occorrerebbe tener conto del criterio che M. Altieri Biagi, Lingua e cultura La gran parte dei francesi- smi medici rientra infatti nella categoria degli xeno-latinismi o xeno-grecismi: tecnicismi foggiati con materiale latino o greco che avrebbero potuto essere diffusi da qualsiasi altra lingua ro- manza.

Con queste riserve, fondandoci su un agile dizionario etimologico francese e sui due fondamentali strumenti italiani per la datazione di un vocabolo, possiamo ragionevolmente considerare france- sismi, per esempio, avitaminosi ; franc. Ancora più arduo individua- re i calchi: tali potrebbero essere, ad esempio, alcuni TC attestati in francese e in italiano ed esemplificati a p. Dauzat - J. Dubois - H. Del Chiappa, ricordato a p. Ferminelli, Il cauto fleboto- mista, Bologna , pp.

Sforza e A. Cervati, Il dizionario. Si aggiungano anco- ra toilette t. Monteggia, Istituzioni chirurgiche, Milano , parte terza, sezione prima, p. Pontoni, La pubblicità Tranne i testi prodotti dai medici nella pratica pro- fessionale quotidiana referti, cartelle cliniche ecc.

Mattioli, Neologismi Carli - E. Calaresu, Le lingue della comunicazione scientifica. La pro- duzione e la diffusione del sapere specialistico in Italia, in A. Valentini et al. Parti- colarmente proclive agli anglicismi è invece la prosa di C. Ram- pulla e C. Bruschi, autori di un saggio inserito in PM, vol. Qual è la ricaduta degli anglicismi in una pubblicazione de- stinata al medico di famiglia? Il risulta- to non è esattamente confortante per chi abbia a cuore la pu- rezza linguistica.

Maraschio, Grafia e ortografia: evoluzione e codifica- zione, in L. Trifone a cura di , Storia della lingua italiana, To- rino , vol. Migliorini - C. Tagliavini - P. Fiorelli, DOP. Nello stesso DOP, p.

LE URGENZE CHIRURGICHE ADDOMINALI Appendicite

Al filone dotto vanno ricondotte senza dubbio le forme che si leggono nel Malpighi abscesso, absintio, abdomine, optico ecc. Malpighi, Consulti Sarcone, Istoria Vaccà Berlinghieri, Codice elementare Medici, Fisiologia Pontoni, La lingua della pubblicità sanitaria Villa, Il medico pratico, Milano , p. Muzio, Il medico pratico, Milano , p. Gasbarrini, Roma Nella morfologia oscilla il genere di faringe: la base greca pharynx era più spesso femminile e questo è il genere tradi- zionale in italiano.

Esempi di faringe masch. Del Gaudio, Nozioni mediche per collaboratori scientifici, Bologna , p.

Fattorini, Il lessico medico Due esempi moderni di la- ringe maschile in PM, vol. Van Swieten, Breve descrizione delle malattie che re- gnano più comunemente nelle armate, trad. Hahnemann], Rimedio unico e specifico contro il Cholera mor- bus, trad. Palmieri], Pesaro ; G. Tommasini, Sul Cholera-mor- bus, Parma ; A. Cappello, Esame critico sopra la officiale relazione del cor- so e degli effetti del Choléra-morbus, Roma ; I. Liuzzi, Riflessioni sul Cho- lera morbus asiatico, Roma Altri esempi in S.

Quanto a sintomo, il GDLI, vol. XIX, p. Fattori, Guida allo studio della anatomia umana, Pavia , vol. Hooper, La guida per il notomico, trad. Mariagi, Napoli , vol. IV, parte III, p. VI, p. Un processo in espansione In linguistica si distingue tradizionalmente tra derivazione e composizione. È notevole il fatto che alcuni affissi siano sco- nosciuti alla lingua comune per esempio iuxta- dal lat. Iacobini - A. Moretti et al. Chiarioni, Le disvitaminosi Garnier-Panzera-Delamare, Dizionario Lorenzetti, Aspetti della formazione delle parole nei lessici scientifi- ci, in A.

Ramberti a cura di , Riflessioni sul linguaggio, Santarcangelo di Romagna , pp. Bernier, Gastroenterologia, ed. Torsoli, Roma , p. Cagna et al. La diffusione di derivati e composti è andata crescendo esponen- zialmente, dalla fine del Settecento ad oggi. Per il francese, il Gha- zi ha calcolato la diversa incidenza dei prefissati medici nella 1a e nella 10a edizione del Dictionnaire des termes tech- niques de médecine di Garnier e Delamare: si passa da a lemmi.

Opportuna- mente, uno dei pochi studi dedicati ai prefissi della lingua me- dica ha utilizzato non fonti lessicografiche, ma un campione di documenti redatti da medici di tre diverse città italiane. Ghazi, Vocabulaire du discours médical E abbiamo già osservato p.

Di Pasquale. Gotti, I linguaggi specialistici, Firenze , p. Diversi elementi formativi -emia, -uria, -patia ecc. In base alle so- stanze circolanti nel sangue in condizioni normali o patologi- che, avremo per esempio termini in cui la base indica compo- sti organici albuminemia, bilirubinemia, colesterolemia, glicemia, li- pidemia, protidemia, trigliceridemia, uremia ecc.

La quasi totalità dei termini ottenuti attraverso i processi della formazione delle parole risale agli ultimi due secoli. Derivati e composti Già la lingua medica del passato disponeva di un sistema de- rivativo abbastanza ramificato.

Weber, Aspetti poco noti Un altro esempio si legge in Lezioni per gli infermieri Gualdo, Sul lessico medico di Michele Savonarola In realtà in molti casi il derivato ha si- gnificati impredicibili o è formato in modo irregolare.

I derivati in -ite indicano in genere un processo infiammatorio che interessa il distretto anatomico indicato dalla base artrite, blefarite, epatite ; ma in difterite e piodermite la base esplicita già il processo morboso in atto rispettivamente la pseudo-membrana che ricopre le ton- sille [gr.

De Mauro, Grande dizionario Della Valle, Neologismi quotidiani, Firenze , pp. Si veda anche Marcovecchio, Dizionario Acerbi, Medicina pratica Baccelli, Patologia Pontoni, La lingua della pubblicità Si veda anche Marcovec- chio, Dizionario Altre volte si hanno oscillazioni nello stes- so tipo di formazione. Dizionario medico illustrato Dorland, terza ed. Su questa intricata fa- miglia di elementi formativi cfr. Folena, Terminologia medica. Cassandro, Formazioni prefissali Marcovecchio, Terminologia scientifica: macro- e mega lo - sono si- nonimi?

Sulla o come vocale con- nettiva dei composti cfr. Migliorini, I prefissoidi [], in La lingua italiana del Novecento, a cura di M. Fanfani, Firenze , pp. Di- stinguiamo: a il primo elemento ripropone la parola originaria con voca- le fissa -o in composti determinativi cioè con successione deter- minante-determinato come laringospasmo, vitamino-terapia, azio- ne epitelio-protettiva,49 e in composti copulativi in cui i membri del composto sono coordinati formati con un aggettivo in -ico: sindrome spastico-atassica, quesiti diagnostico-differenziali;50 45 Cfr.

Piccolo et al. Chiarioni, Le malattie del fegato Cecil, Trattato Altri esempi del genere in Serianni, Saggi di storia linguistica Da tempo M. Devoto - M. Altieri Biagi, La lingua italiana: storia e problemi attuali, Torino , pp. Sterpellone, Eponimia medica, Roma Díaz Rojo, Nociones de neología In alcuni casi differenti sindromi sono denominate col nome di uno stesso scienziato: il Sournia ha contato sette di- verse patologie indicate col nome dello svizzero Fanconi, tre col nome dello svizzero Franceschetti, tre con quello del fran- cese Marfan.

Devoto - Altieri Biagi, La lingua italiana Un e- sempio analogo in Díaz Rojo, Nociones de neología Meibom , pastorizzare da L. Pasteur , zona rolan- dica da L. Rolando , röntgenterapia da W. Schwann , taglio cesareo da Giulio Ce- sare, per una fallace interpretazione del cognomen. Pettenati, Sul linguaggio recente Nei testi che trattano a vario titolo di medicina la mas- sima concentrazione di acronimi e in generale di abbreviazio- ni è rappresentata dai referti, ossia da testi scritti da un medi- co e idealmente destinati ad altri specialisti non al paziente : la condivisione del contesto specialistico consente formulazio- ni brachilogiche che potrebbero risultare oscure altrove.

Portata al P. La pz si ricovera in reparto per le cure e gli accertamenti del caso. A quelli di tipo specialisti- co si aggiungono in questo caso le sigle di associazioni profes- sionali e sindacali.

Segura, Los anglici- smos An- ni fa, studiando il lessico medico del primo Ottocento, mi ac- corsi che i capostipiti di quella tradizione, due repertori com- pilati da grecisti negli anni Venti,2 avevano generosamente in- serito grecismi di uso raro o occasionale, che non trovavano nessun riscontro nella prassi clinica coeva ma che furono in va- ria misura inseriti nei dizionari specialistici pubblicati successi- vamente. Show related SlideShares at end.

WordPress Shortcode. Iva Zigghyova Martini Follow. Published in: Design. Full Name Comment goes here. Are you sure you want to Yes No. No Downloads. Views Total views. Actions Shares. Embeds 0 No embeds. No notes for slide. Lezione pediatria1 1. Griglia di Denver: classificazione dei neonati in base a peso ed età gestazionale Respirazione Protegge da azione macerante del liquido amniotico — Sottocutaneo ben sviluppato nel nato a termine, ma non nel pretermine — mili sebacei, telangiectasie, macchie mongoliche Riflessi neonatali Kdipendenti You just clipped your first slide!

Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.